Ma in realtà cosa sarebbe cambiato se avessero cooptato Gratteri nell’esecutivo? 
Tutti i governi di questo crepuscolo di presidenza imperiale hanno fatto la loro “operazione simpatia”, strizzando l’occhio e pagando marchette a l’uno o l’altro lato della pubblica opinione (sempre ammesso che si possa ancora definire una precisa linea di demarcazione fra l’opinione e la pura e semplice convenienza), salvo poi emarginare quelle stesse persone che erano state tirate dentro in maniera estemporanea e puramente propagandistica e che poi in molti casi si sono rivelati boomerang mediatici clamorosi (Idem, Kyenge, Bonino, …). 
Ammesso e non concesso quindi che Gratteri fosse stato cooptato ed ammesso e non concesso che egli sia  veramente la persona proba e rigorosa che si dice in giro, pensate lo avrebbero lasciato fare?

Aggiungi un commento