Europa a due velocità … perche’ no?

In questi giorni si assiste ad una levata di scudi rispetto alla proposta di David Cameron che qualcuno qualifica di “Europa a doppia velocità”. 
In questo senso, apprezzabile e’ invece l’apertura del governo italiano (pur non mettendo la mano sul fuoco rispetto al fatto che ne abbiano capito le implicazioni e che arrivino fino in fondo).
Al di la’ della scarsa fiducia nelle intenzioni del governo inglese, riteniamo che il rifiuto da parte di buona parte degli autoproclamatisi europeisti duri e puri di discutere di questa possibilità e di considerarla come un tabù ha di fatto causato uno stop ad ogni sforzo di creare una integrazione rafforzata di stampo federalista da parte degli stati membri più volenterosi ed aperti su questo tema.
Insomma, siamo possibilisti sulla questione “Europa a due velocità”, probabilmente per ragioni opposte a quelle di Cameron, ma alla fine questa potrebbe essere l’agognata soluzione “win-win” per rilanciare il progetto europeo.

Partecipa al dibattito nel forum di CSV.

Aggiungi un commento