LA CONFUSIONE E’ MASSIMA SOTTO IL CIELO. BACK TO BASICS: TORNIAMO AI FONDAMENTALI.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo da Massimo Lacciasiglia
===
 
I giornalisti, in cerca solo di spunti polemici, non fanno che aumentarla.
  1. Serve davvero un governo? Direi di sì. Non solo per farci sentire nelle importanti svolte europee, ma perché già gli investimenti, in questa situazione di incertezza, stanno rallentando.
  2. Senza investimenti non si cresce e se non si cresce il problema del debito diventa più grave e urgente.
  3. Cosa possono fare i cittadini? Occorre che i cittadini ragionino con la loro testa e smettano di credere a promesse irrealizzabili dei partiti d’attacco. Serve un movimento di cittadini che potrei chiamare TORNIAMO AI FONDAMENTALI. Basta stravaganze.
  4. Legge Fornero. Chiunque sappia qualcosa di economia sa che la legge Fornero era necessaria e gli errori commessi all’inizio sugli esodati sono ormai stati corretti. Chi vuole abolirla o modificarla dica anche se vuole modificare il principio contributivo. Perché se abbassiamo l’età pensionabile e manteniamo il sistema contributivo, abbasseremmo anche la pensione di chi ci va prima. E se abbassiamo l’età pensionabile la gente potrà essere licenziata prima. Forse meglio approfondire, no?
  5. Flat tax. Sarebbe bene spiegare che non c’è molto spazio per abbassare le tasse. Che ogni abbassamento di tasse deve essere conseguente a tagli di spesa. E che la flat tax farebbe aumentare le disuguaglianze. E’ quello che i cittadini vogliono? Spieghiamolo.
  6. Reddito di cittadinanza. Anche qui non ci sono le risorse. Ma non solo. Vogliamo incentivare il lavoro o l’assistenzialismo? Se lo istituissimo quante persone prenderebbero il reddito di cittadinanza e poi lavorerebbero in nero? Meglio dedicare le risorse disponibili a incentivare il lavoro. O no?
  7. Debito. La stragrande maggioranza di politici e commentatori fa finta di ignorarlo. Ma purtroppo c’è. Quanto tempo abbiamo per far vedere che almeno tendenzialmente siamo in grado di ridurlo?
  8. Coi tassi in crescita che ci attendono e la fine del mandato di Draghi nel 2019 siamo vicini a un disastro annunciato. Intervenire ora costerà molto meno di quanto costerà in situazione di emergenza. Spieghiamolo.
  9. UE. La UE non è perfetta, ma non abbiamo alternative migliori che restarci e per quanto possibile dare il nostro contributo. Ma se non fermiamo questi partiti d’attacco con ricette stravaganti, finiremo per uscire almeno dall’Euro ed essere sempre più marginali in Europa. E se usciamo dall’Euro avremo una svalutazione iniziale del 20-30% e poi inflazione a doppia cifra. Forse meglio spiegarlo ora ai cittadini.
ECCO PERCHÉ OCCORRE TORNARE AI FONDAMENTALI.
 
 
 

Aggiungi un commento