ALITALIA, DI MAIO: ACCORDO CON TESORO (IL NOSTRO “CULO”), PARTECIPAZIONE DI FERROVIE

TRADOTTO: PROSSIMO FALLIMENTO DI FS …

CSV Lombardia
Enrico scarpini

Con l’approssimarsi della scadenza del 31 ottobre per la presentazione delle offerte vincolanti per la vendita di Alitalia, arriva una schiarita dopo l’annuncio del vicepremier, Luigi Di Maio, sull’intesa con il Mef in merito alla partecipazione delle Fs nella Newco. «La partnership con Fs è un punto di partenza, poi gli investitori arriveranno perché abbiamo contatti importantissimi», ha detto Di Maio, spiegando che il governo si è ricompattato «abbiamo fatto una riunione con il premiere Conte, il ministro Toninelli, il ministro Tria, con Salvini e me stesso e abbiamo trovato la quadra, quindi si procederà in tal senso».
Rientra lo scontro Mise-Mef Si tratta di un annuncio rilevante, dopo l’irritazione mostrata nei giorni scorsi dal ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che agli annunci di Di Maio aveva puntualizzato: «Delle cose che fa il Tesoro ne deve parlare il ministro dell’Economia, che non ha ancora parlato». Di Maio aveva annunciato la creazione di una Newco con una dotazione tra 1,5 e 2 miliardi, con il Mef azionista al 15% – tramite la conversione in capitale di una parte del prestito ponte di 900 milioni di euro – e la partecipazione di Ferrovie.
Ma l’ad Gianfranco Battisti ha scritto al proprio azionista, per spiegare che senza una lettera di indirizzo strategico del ministro Tria, non avrebbe potuto impegnarsi su Alitalia. In un secondo tempo, è previsto l’ingresso di un partner internazionale: tra i nomi che circolano, ci sono quelli di Delta, Easy Jet e Lufthansa.
-fonte: ilsole24ore.it
-succo: ci stanno fottendo di nuovo

 

 

Aggiungi un commento