Democrazia rappresentativa vs democrazia diretta

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.
Di Marialuisa Colonna Romano

Si, c’è differenza tra democrazia rappresentativa e democrazia diretta (oggi tecnicamente impossibile). I populisti credono di realizzare la democrazia diretta ma se va bene stanno attuando una oligarchia un po’ strana: forse una doppia oligarchia. Chi si riconosce nelle scelte degli oligarchi è soddisfatto, tutti gli altri non sono ascoltati, ma irregimentati o, se va bene, ignorati. La Costituzione su cui i ministri hanno giurato è incompresa o volutamente marginalizzata e non rispettata né attuata.

Notavo in un post di qualche giorno fa che c’è differenza tra democrazia rappresentativa e democrazia diretta (oggi tecnicamente impossibile). I populisti credono di realizzare la democrazia diretta ma se va bene stanno attuando una oligarchia un po’ strana: forse una doppia oligarchia. Chi si riconosce nelle scelte degli oligarchi è soddisfatto, tutti gli altri non sono ascoltati, ma irregimentati o, se va bene, ignorati. La Costituzione su cui i ministri hanno giurato è incompresa o volutamente marginalizzata e non rispettata né attuata. A me sembra una mancanza di rispetto dell’identità del nostro Paese, il quale ripudia la guerra, promuove il lavoro e lo sviluppo sociale, culturale ed economico dei cittadini (quindi combatte le diseguaglianze), impone a chi svolge funzioni pubbliche di farlo con disciplina e onore. Allora mi chiedo dove ci stanno portando?

Aggiungi un commento