SALVINI ISOLATO ANCHE DAI SUOI ALLEATI EUROPEI

CSV SVIZZERA
Antonio Ripa

Dopo la dichiarazione del cancelliere austriaco, nonché alleato di Matteo Salvini e della Lega Nord in Europa. di ferma bocciatura della manovra finanziaria “nessuna comprensione per l’Italia. Regole uguali per tutti, non pagheremo per il debito altrui”, ecco che anche Alice Weidel, il leader di AfD alleato tedesco del ministro degli interni italiano, prende le distanze senza mezze misure “Orrendo nuovo indebitamento: sono pazzi questi romani!”
Continua, “L’Italia si affida alla solidarietà europea o sul fatto che la Bce annulli i suoi debiti obbligazionari. In questo modo la Germania sarà ancora una volta l’ufficiale pagatore”
Il leader dei “miei amici” di Salvini, rincara la dose nel finale : “Di fronte ai piani italiani, gli esperti finanziari hanno i capelli dritti: con 132% del Pil ci si permette una quota doppia di quella tedesca. Ma Roma ha un monte debiti ormai difficilmente abbattibile di 2,3 mila miliardi di euro.”

Nel frattempo il governo giallo verde continua il giro delle parrocchie finanziarie mondiali , per elemosinare il sostegno a quella che TUTTO IL MONDO ha definito come la manovra del fallimento, ricevendo tante belle ma nulla di concreto. Da qui a fine 2019 ci sono in rinnovo circa 370 MILIARDI di EURO di obbligazioni di stato, senza considerare il nuovo fabbisogno che consegue da una manovra non produttiva e prettamente assistenzialistica le cui coperture già di per se prevedono un deficit del 2.4% e sono basate su una stima del PIL per il 2019 in aumento dal 1.1% del 2018 al 1.5%.

Ma nonostante che tutta l’europa, alleati del governo e non, ed i mercati internazionali, ovvero migliaia di fondi di investimento e centinaia di milioni di risparmiatori, continuano ad esprimere giudizi negativi, il governo gode il pieno appoggio della maggioranza degli italiani,

Sembra sempre di più un paese che da democratico e’ ormai diventato oclocratico sulla spinta decennale del dirittismo estremo del “zero doveri e tutto dovuto” che ha fatto suo la larga maggioranza del popolo che, secondo un recente rapporto OCSE, in Europa ha ormai il triste primato che pur sapendo leggere e scrivere, non riesce a comprendere le informazioni e a interpretare la realtà.

Buona Riflessione

Aggiungi un commento