INTANTO, NEL MEDITERRANEO DONNE E BAMBINI CONTINUANO A MORIRE!

Mentre si chiacchiera in Europa e nell’ex Bel Paese, i naufragi continuano, come ormai da molti anni … le lacrime di coccodrillo ci hanno stufato!

Di volta in volta si promette di distruggere le flotte dei trafficanti, di fare accordi improbabili coi signori della guerra libici, di operazioni SAR congiunte … ma alla fine il gioco e’ quello della pura demagogia elettoralistica: i migranti servono a tenere alta la tensione, a rinfocolare paure ed antichi rancori … i morti affogati sono solo un dettaglio di un gioco piu’ grande.

Noi la strada l’avevamo indicata da anni … dolorosa, difficile, rischiosa, ma forse risolutiva: l’Europa deve prendere in mano la situazione, intervenire militarmente, stabilire zone sicure e centri di accoglienza sulla costa africana dove tutti devono essere identificati, come prescrivono le norme internazionali.

I pilastri sono tre:
– Salvataggio dei naufraghi sempre e comunque;
– Dissuasione di migranti e trafficanti;
– Accoglienza solo a chi ne ha i requisiti.

Aggiungi un commento