Caldo estremo in Australia, effetti devastanti sulla fauna: milioni tra pesci, pipistrelli, cavalli e cammelli morti.

Mentre il nord America lotta contro il blizzard, tempeste di neve e freddo estremo. Il continente australiano e’ colpito da ondate di caldo soffocanti che stanno creando seri problemi non solo all’essere umano ma anche alla fauna.

Dal 26 al 27 novembre le temperature hanno superato i 42 gradi causando la morte di 23.000 – 30.000 volpi volanti , pari a circa un terzo della popolazione di tutto lo Stato. Circa 90 cavalli selvaggi trovati morti in prossimita’ di una pozza d’acqua ormai prosciugata.

La siccita’ ha provocato la moria di milioni di pesci nel bacino del Murray – Darling River, nel sud est dell’Australia.

Con il livello dell’acqua eccezionalmente bassi e le fluttuazioni termiche incredibilmente alte, la prolificazione di alghe e’ avvenuta piu’ rapidamente, privando l’acqua di ossigeno di cui i pesci hanno bisogno di sopravvivere.

Cari politici , agire ora o mai piu’, la vita di milioni di persone e’ a rischio.

Aggiungi un commento