RECOVERY FUND: L’UNICO PAESE DEI 28 CHE NON HA PRESENTATO IL PROGRAMMA INDOVINATE QUAL E’?

”Ora giudicate voi. L’#UE ha chiesto, prima del vertice di Bruxelles, giusto per non parlare di aria fritta durante il vertice, a tutti i paesi membri (28) dell’Unione di inviare due programmi:
Uno su come hanno reagito, “National Stability Programme” e l’altro documento, da inviare prima del vertice, riguardava quali reforme fare in futuro, un “National Reform Programme”.
Pure GB ha inviato ambedue documenti.

Ora l’unico paese dei 28 che non ha inviato il programma delle riforme è: l’#Italia.
Ma i cattivi sono gli olandesi.

Giudicate voi la serietà del governo #Conte.
Giudicate voi che quale faccia ci si presenta al cospetto delle altre nazioni europee che hanno fatto “i compiti a casa” e con quale faccia si osa di minacciare, “rovesciamo il tavolo”.

L’Italia pretende 172,7 mld di Euro per fare “le riforme” senza dire alcunchè sulle riforme, in che modo spendere i soldi.
E’ davvero un nuovo triste capitolo di faccia tosta, che si vende bene in Italia, hastag incluso, ma all’estero viene, evidentemente, preso non tanto bene.
Si pretendono tanti soldi, a fondo perduto pure, pur senza dire come e per che cosa li si vogliono spendere.

Alle fine ci sarà qualcosa, ma oramai sappiamo che cosa succedrà quando Roma dovrà rendicontare quei mezzi che ora otterrà per la buona pace in Europa.

Penso che sarà stata l’ultima volta.”

Aggiungi un commento