Turchia, avvocatessa muore dopo 238 giorni di sciopero della fame: chiedeva giusto processo

Il sorriso di questa avvocatessa mi tormenta da due giorni. L’ha fatta morire in carcere di stenti il governo di un Paese alleato alla Nato e che dice ancora di voler entrare in Europa. In un mondo giusto sarebbe giudicato dai tribunali internazionali per crimini contro l’umanità

Aggiungi un commento